DIZLIS

Da sempre la carenza di strumenti e ausili per la didattica deprime la minoranza linguistica in lingua dei segni e ostacola una reale integrazione, ancor più con strumenti e prodotti pensati appositamente solo per i Sordi.

Pensiamo sia utile sviluppare strumenti che possano sostenere ogni tipo di didattica e non siano finiti, ovvero chiusi secondo una particolare filosofia di intervento.
Lo strumento principale per ogni lingua, oltre alla sua grammatica, è il dizionario.

Per realizzare un vero dizionario bilingue occorre una piattaforma software sofisticata che risponda ad esigenze di ricerca in ogni lingua e accorpi e confronti i vari lemmi con la possibilità di verificarne significati per definizioni e uso (tramite esempi).

Dizlis 2.0 serve a questo scopo.  E' modulare, flessibile per adattarsi a numerose esigenze sia per la scuola che per qualsiasi altra destinazione, fermo restando una versione semplificata per i fruitori elementari e successive versioni complesse per l'educazione, l'istruzione o la normale consultazione degli adulti con più evolute competenze linguistiche.

 

NASCITA DEL PROGETTO

La versione di Dizlis fu proposta nei primi anni del 2000 dalla cooperativa sociale ALBA che curò un dizionario in cd-rom (ancora oggi recuperabile). In un convegno a Roma su ausilii didattici il prof. Striano convinse la cooperativa a studiare ulteriori miglioramenti. Negli anni successivi, con l' EURAC (dizionario eLIS), la cooperativa ALBA riusci' a creare un dizionario online sperimentale che aveva tutte le caratteristiche per essere 'rivoluzionario'. Ma il progetto dopo un forte avvio non riuscì a completarsi pur rimanendo un grande passo avanti.

Alcuni anni dopo il CTS di Roma presso l' IPSS De Amicis ci ripropose la sfida... e progettammo Dizlis 2.0 con un motore di ricerca da LIS a italiano innovativo. Visto il lavoro precedente chiamammo la nuova piattaforma che contiene questo dizionario DIZLIS 2.0

OBIETTIVI

  • sviluppare un dizionario più completo e ricco e in grado di soddisfare i bisogni dei consultatori
  • offrire un corpus di segni e parole con le loro relative voci di definizioni ed esempi, capaci di colmare difficoltà degli utenti
  • diventare consultabile a tutti, a disposizione gratuitamente di scuole e delle famiglie, a disposizione di associazioni, enti e imprese per l'uso sia didattico che nella comunicazione ordinaria o specialistica quotidiana
  • promuovere per le persone sorde, soprattutto i giovani, una maggiore coscienza della ricchezza della propria lingua dei segni e della lingua nazionale con ricadute in ambito formativo e professionale
  • promuovere la stessa migliore conoscenza alle persone udenti e aiutarle nel loro avvicinamento o perfezionamento della lingua dei segni italiana
  • attivare una partecipazione ampia degli utenti e sostenere la collaborazione a vari livelli cercando di far diventare i consultatori anche protagonisti e collaboratori del progetto.

I finanziatori

I finanziatori, ovvero gli 'azionisti', sono il CTS di Roma (IPSSS De Amicis), la cooperativa sociale ALBA e chiunque voglia partecipare con contributi o lavoro per arricchire il progetto.

Oltre all'impegno di ALBA e CTS contiamo anche sul finanziamento per l'anno 2015-2016 della FONDAZIONE CRT  che ha messo a disposizione sue risorse nell'ambito del bando VivoMeglio 2015.

Un ulteriore apporto, per la creazione della piattaforma si deve a Latte Creative che ne cura lo sviluppo informatico.

 

Chi può partecipare?

Oltre alle società precedentemente menzionate TUTTI possono partecipare per contribuire, migliorare, arricchire il progetto. Sono stati avanzati progetti corollari a Dizlis 2.0 per permetterci di potenziare questa risorsa e altri verranno promossi.

Tuttavia, da sempre, contiamo sulla partecipazione attiva delle persone nelle loro diverse vesti... non solo finanziatori e nemmeno solo utenti ma collaboratori che potranno inviarci i loro fattivi contributi in qualsiasi forma ritengano.

Verranno organizzati eventi pubblici per farci conoscere direttamente e riunioni per intavolare collaborazioni. La risorsa Dizlis 2.0 rappresenta un bene comune che crescerà negli anni dando risalto alla cultura del ben FARE, tipica del nostro paese e della sua lunghissima - secolare - tradizione di innovazione, istruzione e competenza radicata ormai nel suo popolo.